Cuffaro si dimette da governatore di Sicilia: Ah, che dolore!

E’ finita come dignità voleva: il governatore della Regione Sicilia Cuffaro, condannato per avere favorito singoli imputati dai metodi mafiosi, si è dimesso. Era ora e nessuno piange, se non tutti quei politicanti siciliani che non hanno superato i due anni e sei mesi per ottenere la pensione da deputato regionale (congruo assegno di non meno 3800 Euro al mese … Continua a leggere

Crisi di governo: Povera Scuola!

Ci mancava anche la crisi di governo per aumentare il senso di precarietà, approssimazione, transitorietà che attanagliano i docenti ed il mondo della scuola tutto. Ci mancava anche l’esempio edificante di senatori della Repubblica che si insultano, si menano come scaricatori di porto, alla fine brindano come all’osteria, l’esempio del loro eloquio alto, solenne, misurato sia in aula che nelle … Continua a leggere

Il Governo è caduto, Evviva il Governo

La notizia è ormai ufficiale, il Governo a guida Prodi cade perché l’ottimo Mastella non rinnova la fiducia dell’Udeur al centrosinistra. Caduto un governo se ne fa un altro e nessuno piange, nemmeno per la mancata fiducia a Mastella. L’unica raccomandazione che sentiremmo di fare con tutta sincerità è: in qualsiasi occasione, andate a votare alle elezioni politiche e fate … Continua a leggere

Non comprare da commercianti che pagano il pizzo

E’ notizia odierna che diversi cittadini e associazioni per la legalità in Sicilia abbiano avviato l’iniziativa di “Non comprare prodotti da quei commercianti che pagano il pizzo” e – aggiungo – non hanno mai denunciato gli estortori per convenienze. In una città importante come Palermo (o Napoli) tenere conto dell’obiettivo proposto è più difficile che vincere alla lotteria, ma è … Continua a leggere

Buon governo e cattiva politica: La pittura che aiuta a capire

Questo post è un po’ diverso dal solito, visto che presenta due opere pittoriche di Ambrogio Lorenzetti attualmente visibili nel Palazzo Pubblico di Siena. Gli affreschi risalgono al 1338-1340 e si fronteggiano in due lati: “Allegoria del Buongoverno”2effect2.jpg” e “Allegoria del Cattivo governo4effect1.jpg“. E’ interessante notare che nel primo tutta la città è pulita, i volti delle persone sono sorridenti, … Continua a leggere

Mastella all’Angelus pro Ratzinger

L’ormai ex ministro della giustizia Mastella ha partecipato all’Angelus di preghiera e di “simpatia” con papa Benedetto XVI. Forse spera in un’illuminazione dall’alto per sé e i propri cari? L’on. Mastella dichiara di avere ancora “fede” nella magistratura, “ma in quella giusta”. Intanto, ha elegantemente e sobriamente definito il procuratore capo di S. Maria Capua Vetere un “farabutto”. Di fronte … Continua a leggere

L’imprudenza politica della Chiesa italiana

Premetto chiaramente che questo Post non è mio, ma è una citazione dell’editoriale che Barbara Spinelli ha scritto per La Stampa di Torino domenica 20 Gennaio 2008, col titolo “L’imprudenza politica della Chiesa”. Io aggiungo semplicemente che assistiamo a un perverso gioco politico che di spirituale non ha nulla, il cui obiettivo spudorato è la costruzione di un’area politico-culturale orientata … Continua a leggere

Il papa, “La Sapienza” e la laicità asfittica del nostro paese

Tengo a precisare che il seguente intervento non è personale, ma proviene dalla Facoltà Valdese di Teologia a Roma che ritengo interessante e utile per la discussione odierna su laicità, predominio dell’autorità papale ed esagerazione mediatica sui fatti (o meglio non fatti) occorsi all’Università “La Sapienza” di Roma di Daniele Garrone, decano della Facoltà Valdese di Teologia, Roma Di fronte … Continua a leggere

Cuffaro, Mastella e la politica del “malaffare”

Come era prevedibile, il governatore della Regione Sicilia è stato condannato a 5 anni per favoreggiamento semplice e rivelazione di segreto d’ufficio, ma non per collusione o concorso esterno in associazione mafiosa. In sostanza, resta al suo posto e probabilmente non si dimetterà. Per meno il ministro della giustizia Mastella ha voluto dimettersi e ha sparato a zero sulla magistratura. … Continua a leggere

Morti sul lavoro: chi controlla i controllori?

Ieri a Porto Marghera due operai che scaricavano soia da una nave sono morti per esalazioni di gas. Pare che le procedure di scarico non sono state rispettate e che i soccorsi non siano stati efficaci, anche perché la bombola d’ossigerno era vuota. E’ l’ennesimo incidente sul lavoro. Altro fatto. Due giorni fa il tribunale di Parigi ha condannato con … Continua a leggere