La discutibile vittoria del Centrodestra in Sardegna

E’ un classico di chi investiga e ha a che fare con questioni di polizia: “Segui i soldi e troverai chi ti serve“. Era anche una massima del giudice Falcone. La stessa cosa si può dire a riguardo della discutibile – ma non inaspettata – vittoria del Centrodestra in Sardegna, la stessa che ha decretato la fine di Soru, di Veltroni e di altri pseudopoliticanti.
A cosa ci riferiamo? Ai soldi dati e ricevuti da Cappellacci (5 milioni di Euro) alla Chiesa di Cagliari per la ristrutturazione del vescovato e la sua trasformazione in moderno campus.  Allora, ecco in Giunta, alla Cultura,
Lucia Baire, la donna che in Curia già chiamano la manager di Dio. Soldi, spazi, volontari, orari, guide e scorte, rapporti con la stampa e con la polizia. Nel settembre scorso, per conto dell’arcivescovo Giuseppe Mani ha organizzato la visita a Cagliari di Benedetto XVI. Sì, quello fu il gran giorno di Ugo Cappellacci, il quale poco prima della messa solenne fu accompagnato da Silvio Berlusconi a conoscere il Papa nella sacrestia di Bonaria.
Continuiamo. Quanta cubatura cementificante sarà disponibile per gli appalti in Costa Rei (vicino Villasimius) e per i neo-ospedali, pare a Sassari e a Cagliari stessa?
E che dire, allora, di un’altra donna, Maria Paola Corona (detta Ketty), a Olbia titolare della società Iecinque immobiliare (vedi il sito www.ie5.it) che costruisce e lottizza terreni e case per conto di Sergio Zuncheddu, di professione immobiliarista ed editore del giornale L’Unione Sarda e della radio-televisione Videolina?
Corona, Corona… Qualcuno che ha mente buona ricorderà che è figlia di quell’Armandino Corona, negli anni Ottanta Gran Maestro della Massoneria, plurindagato per la vicenda P2, in cui compariva il Nostro Magnifico Presidente Berlusca. Oggi la Ketty è assessore regionale agli Affari generali, in quota PDL. Direte: ma le responsabilità sono sempre personali, abbiamo superato il detto biblico “Le colpe dei padri ricadono sui figli”… Spiegateci, però, come mai persone, vicende, elementi e fatti sono gli stessi e identiche sono le alleanze politico-economiche che animarono gli anni Ottanta piduisti e gli anni attuali.
Infine, sarebbe bello chiedersi perché solamente la società Amalattea – patrocinata dall’attuale assessore regionale all’agricoltura Andrea Prato – operante fra Roma e Villagrande Strisaili (Nuoro), socia della Compagnia delle Opere (leggi: Comunione e Liberazione) riesca a fatturare utili rispetto a tante altre cooperative di piccoli produttori e ugualmente intenzionati a valorizzare i prodotti locali e la qualità alimentare.

La discutibile vittoria del Centrodestra in Sardegnaultima modifica: 2009-03-10T11:52:00+00:00da cosmico2
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento