Politici battutari, lontani dai bisogni e dalla gente

Il post ripropone un interessante editoriale di Emanuele Macaluso apparso oggi sul quotidiano torinese La Stampa e col titolo “La battuta quotidiana”. Quello che emerge è la pochezza culturale di tanti, sia al governo che all’opposizione e fa pensare. E’ la pseudo-politica da salotto, buona per una trasmissione di Ballarò o Porta a Porta, a secondo delle preferenze, ma sempre … Continua a leggere

Chi votare? No One?

Chi tuona contro internet e quel che gli utenti creano, scaricano, vedono non è bene informato sui fatti, non conosce bene quello di cui parla. Riguardo alle prossime elezioni europee e locali, invitiamo i nostri (pochi) lettori a godersi una bella canzone “No One”, di Alicia Keys, accompagnare il video che trovate su YouTube al link qui. E’ più espressivo … Continua a leggere

Votare in Parlamento: Un fastidio democratico

Il seguente post è tratto dalla lettura del Corriere della Sera di oggi (vedi link) che riporta le ultime sparate berlusconiane in tema di snellimento e velocizzazione dei lavori parlamentari. Già i cialtroni (leggi: Il Giornale, Feltri, Lupi, Rotondi) cercano di offire giustificazioni culturali e sostegno politico all’impossibile, adducendo il fatto che la cosa già si svolge in Francia (dove … Continua a leggere

Openpolis: Conoscere e monitorare i politici

Openpolis (vedi link) è un progetto no-profit dell’Associazione Depp (democrazia elettronica partecipazione pubblica) e della comunità di diverse persone che hanno collaborato, tra le quali: Alessandro Curci, Giuseppe Caprarelli, Alessandro Giangiulio, Raimondo Fanale, Luca Soda, Andrea Monti, Renato Minei, sal. Depp è un’associazione “senza scopo di lucro” e “indipendente da partiti e movimenti politici” che promuove l’uso della rete e … Continua a leggere

Rimettere il mandato parlamentare se non sei d’accordo?

In un’intervista al quotidiano L’Unità di oggi, domenica 23/12 pag. 7, il capogruppo del Piddì alla Camera Antonello Soro arriva ad affermare che “Se [Dini e Bordon] hanno problemi di coscienza che rendono incompatibile la loro permanenza nella coalizione, c’è una strada diretta…: andare a casa, restituire agli elettori il mandato.” Ebbene, le mosche cocchiere e gli umori da primadonna … Continua a leggere