CI VUOLE UN V-DAY PER LA SCUOLA: Come se tutti fossero fannulloni

Non tutti gli insegnanti sono fannulloni, alla faccia di Fioroni. Il Commento della Gilda degli Insegnanti.

“Traendo spunto da un singolo episodio, il ministro Fioroni ha lanciato una campagna contro i docenti, come se fossero tutti fannulloni. Non si può fare di tutta l’erba un fascio e riteniamo che l’iniziativa del ministro sia un pessimo saluto d’inizio anno scolastico agli insegnanti”.
È duro il commento della Gilda degli Insegnanti sul giro di vite voluto dal ministro della Pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni, contro i prof. fannulloni e inserito nel decreto legge approvato ieri dal Consiglio dei ministri.

“Fermo restando che è interesse di tutti allontanare la pecora nera, non vorremmo – dichiara il coordinatore nazionale Rino Di Meglio – che questa operazione servisse a distogliere l’attenzione sui reali problemi della scuola italiana, primo fra tutti il contratto nazionale di lavoro scaduto ormai da quasi due anni.
Gli stipendi dei docenti italiani sono tra i più bassi dei Paesi industrializzati e il nostro sistema scolastico continua a subire tagli selvaggi alle risorse umane ed economiche.
Invece di intraprendere un’assurda caccia alle streghe contro gli insegnanti – aggiunge Di Meglio – il Governo dovrebbe impegnarsi in una seria campagna contro i politici fannulloni che godono di privilegi e di stipendi ingiustificabili a fronte dell’inefficienza della macchina amministrativa”.

“Si pensi piuttosto a cacciare dalla politica tutti i soggetti già condannati con sentenza definitiva!”.
Lo chiederà a gran voce anche la Gilda degli Insegnanti aderendo alle ragioni del V-Day indetto da Beppe Grillo per il prossimo 8 settembre, condivise da tanti cittadini, al di là degli schieramenti politici di riferimento.
CI VUOLE UN V-DAY PER LA SCUOLA: Come se tutti fossero fannulloniultima modifica: 2007-09-09T00:31:13+02:00da cosmico2
Reposta per primo quest’articolo